Martin / Martino di Raimonda Bianco Levrin

D’iht, lo Martin fazeit lo berdjir en t’i arp de nohtre montagne;
d’inver, sendivet a la piana per al famaout a carqui brotchi e vagnis en pc de sot.

He iadjo lai, aveit salut son pais pe fare lo prim ver varcan dla sa vita.

Tt d’en colp se sent pi grant, responsabil de tt.

Dj pensavet acanqu’ sariret torn, content d’avei vagna de brc da portar a sa famii.

Acanqu’ l’ht riv entl hit, se htupivet a vere tente mazon par aote, lo trafic, quetente fen qui se vihtivont deferent da cale qu’ aveit sempe vu. O l’eret encant.

A na croseieri dla vi, ieret un rganin qu’ sonavet de tchanhun qu’ aveit dj senti.

Apr, tente fozette a coleui qui htchiopavont pe l’ocazion dla fehta dla hit, i lo htopivont fe de misura.

O disivet:”Come qu’i eht bl la boureri!”.

Que de tchiose qu’ aveit da contiar a se amis!

Na noit...

La nei i comenhivet cuatar, come na cuerta bientchi, lo pitodo ahpahacamin qu’ l’eret crol, sfen, en broa dla vi, depoi qu’ aveit cahteiia un poht per dormir.

Lo Martin l’eret biond. Ma se cognesivet p, prqu qu’ l’eret tt tcharboia de sohtchi da la tehta a li pa.

Mahque p i oei, bio qui trapasavont li roc, i se vehivont en te he main mair m’en tchin.

Per fortuna qu’ l’eret mair par, prqu, pe posei entrar a rahquiar lo camin, entavet gnint ehte gr.

“Que vita rampiie fin leis!

Oh ahteila que te boque mon pitodo pais: hquiarei mia mazon e carehi con ton quiar mia mama e mon papa.

Dona en basin a mie frare p pitodi!”

Martin l’eret famaout a Meo da poc ten.

O i eret la dita que he brtchi iqu l’eret sempe tchiuc, fagnan, dehtera, qu’ tchihive li famaout e qu’ donavet poca cucca.

O voleit magari vendicas dle pelourfie qu’i avont fait fare a s?

Ma lo durbi dlo main creivet gnint a li molarih qu’ sentivet; l’eret fis que lo broci en piat de menehtra tchaouda e en tc de djerp l’ariret don, en paga de son varcan.

“Na botch de meno, o mazon, a mindjie”, dizivet pe trouar la razon d’avei abandon son pitodo.

Depoi que Martin at parl con l’ahtila, at continu a pensar...

“Heh l’eht mon varcan.

Dje devo bocar se dj’ei tute le trile: le caterle, la htchila, la crda, l’aragn, lo rahtchio...
E se depoi dje rahquio gnint dabin tot la souhtchi?

Djei peiri da dovei torn lainaut en aoto iadjo e da tchiapale...”

Martin alura at dit l’orahion qu’i li aveit mohta sa ma Tchiotte: l’Angelo di Dio.

Apr se sentivet pi sicur.

“Andjel bianc dlo Paradis: vin aide en por main qu’ pe saotar dj e farse mal.

A me avoi i diont que dje sei en Andjel, ma neiro.

Dje penso d’ehte bravo medem, avoi se dje sei gnint bianc.

Anit Meo m’a don en ardjaf, sensa en prqu.

Ma guidj dj’ei gnanca pior, avoi se me venivet en ment da dizelo a mia mama”. 

Martin, douant da comenhie lo varcan, at pens d’alar en hum lo cuert pe bocar come que l’eret lo camin.

Menten que bocavet dj, s’eht sent ser la man dreiti.

“Laseme ala dj con mon sac qu’ l’eht gr.

Dje comenho dj a gratar en poc de souhtchi.Par quetu t’a meno varcan”.

La Viei, gueba sot lo peis de tuti sie anf, i li parlavet de parol douhe, i lo tinivet enc fera, a l’aria freidi a rimirie li camin gnint tuti medem, que douant o depoui, li ariret ahpaha.

“Te rengrahio, mia ma, o, no, Befana”.

“Tei, he djoua hi l’eht per te”.

“No, bona Befana. Dje pe gnint tinilo. Mon brotchi lo traziret via.

O vet mahque que dje varcanoi”.

“Alura,tin he brc ihi. Te p ahcondlo en tlo fint dle braie. Acanque t’a fam, te tchete na mic de pan. O l’eht poc, ma dje sei pora guidj avoi”.

Lo pitodo creivet gnint qu’ fosse veira.

O se sentivet ahcazi ric e l’eret incant.

Menten que la Befana i fazeit lo djir dedinte ha mazon iqu, lo main ahcotavet le vus d’entr, dj en tla crt.

“Piantala iqui da fare li caprihi – i dizeit na mama. Or dje voei demandar en ahpahacamin”.

“Guidj dje doiiro fare peiri a en main? No, no.

O l’eht gnint da creire.

Frse i li fi envidi prqu dje me trovo par en tl’aut, apa a lo tchel e dje p vere tente losaie e trovame apa a le nebie, a la lun e al seroi.

Ma dje devo ahpatchame a polir he camin hi, prqu mon brtchi posret arouar d’en moment a l’autro e trouame a fare gnint”.

“Vehtu venir via ensembio me?” – i li a dit la Befana.

Par Martin at acompagnia la viei en te sia nit de madja.

O l’eht mont ensembio a se enhum son “caval” de bohc; ensembio i ant comenhia a volar enhum le bl ahteile e le cou lomineuize.

Tuti li iadjo qu’i trouavont en camin, i pontalavont la ramahi e Martin sendeit lo prim, en maneri que lo sac dli regal se hporquisse gnint trop en sendando la Befana.

Par i sont aru en tel camin p bel de tuti: l’eret riond e recam de fie de tera citi.

O comenhivet a hquiarir lo djer.

Martin l’eht drotchia dj en fond dlo camin.

O at senti na vus fina qui dizivet:” E quetu, qui que t?”

Na main con du londje couahe bionde i se frosivet sie bl oei vert.

I s’eret levai de boneura, Togneta, press da vere hin qu’ i eret en tla tchauhi colorai pendua al camin.


Semer ten, i eret ariv avoi la Viei, e li doi main i l’ant aidia a piahie li paquet.

Acanqu’i eht aru l’eura d’alassent, Togneta i at envit Martin a fermase a djuier ensembio s e se soer pi pitode, qu’i dormivont anc.

“Vihta iqu-i li disivet la Befana en tl’orii. En te ha chpa hi i te volernt bin: i eht la chpa dlo Sindic”.

“La chpa dlo Sindic? Qui eht tel en Sindic? Guidj dje l’ei mai vu. Come qu’ saret?”.

Martin l’eret fantahct.

Mai tente persone i l’avnt tant consider, i l’avont cap.

Entant qu’ pensavet lgn a he tchoze iqu, s’eht trov ahquitchia en fonh dlo camin.

“Te p gnint ahcapar – iat dit en sobiant un merlo neiro neiro qu’ alavet soent htchaoudasse lai dedinte.

Se te monte hum le mie ale, te prto dari que te v”.

“Aiam, hin qu’ m’aruet! Dj sei propito hta sensa cognission.

Lo camin l’eht ser. Come que dj fidjo sortir? Ma qui qui eht qui parlet?”.

O at volu ahcotar.

I se sentivont parlar de vus frte.

I eret la patron de mazon qu’i diseit a sie amize la bl neva d’avei soprim le htue a bohc e par da pi gnint dovei fare polir li camin.


“Dabon? Ma guidj me dj far alura varcanar?

Semer ten qu’ii arme i sendivont dj plo moro, tt en t’en iadjo Martin s’eht dsveiia pien de trembierola, con na masel qui li fazivet mal, prqu Meo l’aveit tro endorm e pa en te son varcan.


“Alura l’eht gnint veira? Djei mahqu sondja ? En sondjando dje sei viht content.

Dje ve anc sondje...”

O neivet enc, adazi, adazi.
La nei i voleit cuatar la htampa neiri que Martin aveit lassa.

Dep neivet, dep resortivet la figura d’en pitodo ahpahacamin, sempe pi quiara, con la htchila enhum le ahpaole, li fr dlo mehtir e con na man a la botch, come a volei fare sentir lo pi lgn posibil lo braio:”Ahpahacamin, ahpahacamin!”.

Enc encou se pet fermasse doant al monoment dlo pitodo ahpahacamin qu’ recordet le vite de tenti pouri main, gnint mahque d’en iadjo, ma de tuti li ten.

In estate, Martino faceva il pastore negli alpeggi delle nostre montagne;
in inverno scendeva in pianura per svolgere dei lavoretti alle dipendenze di qualche padrone e poter cos guadagnare qualche soldo.

Quell’inverno, aveva salutato il suo paesello per intraprendere il primo vero lavoro della sua vita.

Improvvisamente si era sentito cresciuto, investito di responsabilit.


Gi stava immaginando il suo ritorno, felice, e con un bel gruzzoletto da portare alla famiglia.

Giunto in citt, non finiva di stupirsi nel vedere tante case cos alte, tanto traffico, tanta gente vestita con abiti totalmente diversi da quelli che aveva sempre visto.


Ad un incrocio un organino suonava alcuni motivi che aveva gi sentito altrove.


Quella sera, poi, erano stati i fuochi d’artificio, a conclusione della festa patronale, ad interessarlo oltre misura.

Non li aveva mai visti cos scoppiettanti e variopinti.Diceva: “Com’ bella la citt!”.

Quante cose avrebbe avuto da raccontare ai suoi compagni!
Una sera…

La neve fitta fitta incominciava a ricoprire, come una candida pelliccia, il piccolo spazzacamino che era crollato, esausto, ai margini della strada, dopo aver vagato a lungo in cerca di un riparo.

Era biondo Martino. Ma ora non si capiva pi quale fosse il colore dei suoi capelli, della sua carnagione, dei suoi abiti, perch troppo sporchi di fuliggine.


Solo due occhioni azzurri, colmi di tenerezza, spiccavano in quel corpicino minuto e denutrito.
Eh, gi: doveva essere agile, per potersi facilmente infilare nello stretto cunicolo del camino…

“Quanta fatica salire fin quass!

O stella che vedi il mio bel paesello: illumina la mia casa ed accarezza con la tua luce mamma e pap.

Da’ un bacio ai miei fratellini”.

Da poco tempo Martino era stato affidato a Meo.

La gente diceva che questo padrone fosse sempre ubriaco, pelandrone, ladro, manesco, insomma, senza scrupoli.

Voleva forse vendicarsi dei duri anni di sfruttamento subiti a sua volta?

Ma il padre del piccolo non aveva badato a queste dicerie e aveva pensato che un tozzo di pane, come ricompensa del lavoro, lo avrebbe pur dato al suo bambino.


“Una bocca in meno da sfamare!”, andava ripetendo, per trovare una giustificazione all’abbandono del suo piccolo.

Dopo che Martino ebbe parlato con la stella, continu a pensare...

“Questo il mio lavoro.

Devo controllare se ho tutti gli arnesi: le bende, la scala, i rotoli di corda, gli spazzoloni, il raschietto...
E se poi non raschier bene tutta la crosta della fuliggine?

Ho paura. Ho paura di dover rifare il lavoro, delle botte…”.

Martino allora recit la preghiera che gli aveva insegnato nonna Ciotte:
l’Angelo di Dio.

Si sent pi rassicurato.

“Angelo bianco del Paradiso: vieni a sorreggere un povero bambino che pu cadere e farsi male.

Dicono che anch’io sia un Angelo, ma nero.

Penso di essere ugualmente bravo.

Meo ieri sera mi ha picchiato. Non so il perch.

Ma io non ho nemmeno pianto, anche se avevo voglia di dirlo
alla mamma”.

Prima d’iniziare il lavoro, Martino pens di salire sul tetto per controllare il camino.


In quel momento si sent stringere la mano destra.

“Lascia scendere prima me, con il mio sacco di balocchi.

Incomincer a togliere uno strato di tutto quel nerume e cos tu avrai meno lavoro”.


La vecchietta, curva sotto il peso di tutti i suoi anni, gli aveva parlato con dolcezza, trattenendolo ancora fuori, all’aria aperta, ad osservare tanti comignoli diversi che, prima o poi, avrebbe sicuramente dovuto spazzare.

“Grazie, nonnina mia. No, scusami, Befana”.

“Tieni: questo giocattolo per te”.

“No, cara Befana. Non posso tenerlo.Il mio padrone me lo butterebbe via.

Lui vuole soltanto che lavori”.

“Allora tieni questo soldo. Lo puoi nascondere nel taschino dei pantaloni. Puoi comprarti una pagnotta, quando avrai fame. E’ poco, ma sono povera anch’io”.


Il piccolo spazzacamino non voleva credere ai suoi occhi.

Si sentiva quasi ricco ed era felice.

Mentre la Befana svolgeva il suo compito all’interno di quella casa, il bimbo ascoltava le voci intorno, gi nel cortile.

“Smettila di fare i capricci – diceva una mamma. Adesso vado a chiamare uno spazzacamino!”.

“Io dovrei far paura ad un bimbo? No, no.

Non possibile!

Forse sono invidiosi perch mi trovo cos in alto, vicino al cielo da dove posso vedere tanti tetti ed essere vicino alle nuvole, alla luna ed al sole.

Ma devo sbrigarmi a spazzare questo camino, perch il mio padrone potrebbe arrivare da un momento all’altro e trovarmi a fare niente.”.

“Vuoi venire via con me?” chiese la Befana.

Martino decise cos di accompagnare la Vecchina nella sua notte di magia.

Sal con lei sul suo “cavallo” di legno ed insieme iniziarono a volare tra stelle e scie luminose.
Ogni volta che trovavano un camino, appoggiavano la scopa e Martino s’infilava per primo, in modo che il sacco dei doni non si sporcasse troppo nella discesa della Befana.

Arrivarono ad un comignolo pi bello degli altri, tondo e decorato
con foglie d’argilla.

Iniziava ad albeggiare
quando Martino scivol gi, in fondo al camino.


Sent una vocina sbalordita: “E tu, chi sei?”.

Una bimbetta con due lunghe trecce bionde si stropicciava, incredula, gli occhietti verdi.

Si era alzata presto, la piccola Togneta, impaziente di scoprire cosa si
nascondesse nella calza colorata appesa al camino…

Intanto arriv anche la Vecchina, e i due bambini l’aiutarono a sistemare i pacchetti.


Giunta l’ora di salutarsi, Togneta invit Martino a fermarsi a giocare con lei e con le sue sorelline, che ancora stavano dormendo.

“Rimani! –gli sussurr la Befana all’orecchio - Ti tratteranno bene in questa casa: la casa del Sindaco!”.
“La casa del Sindaco? Ma chi un Sindaco? Io non l’ho mai visto.
Come
sar?”.

Martino era frastornato.
Mai tante persone lo avevano considerato, avevano avuto con lui tanta comprensione.

Mentre rifletteva su quanto stesse succedendo, prov a risalire dal fondo di quel camino.
“Non puoi pi scappare! – fischiett un merlo nero nero che andava sovente a scaldarsi l dentro.


“Ahim, che guaio! Sono proprio sbadato.

E’ chiuso. Come faccio ad uscire? Ma chi che sta parlando?”.

Volle ascoltare.

Dalla sala provenivano tante parole concitate.

Era la padrona di casa che comunicava alle sue amiche la bella notizia di aver soppresso le stufe a legna e di non aver pi bisogno di far spazzare i camini.

“Davvero? Ma come far allora a lavorare?”.

Mentre le lacrime (di gioia o di dolore? ) rigavano il suo volto, improvvisamente si svegli, pieno di affanno, con una guancia dolorante, perch Meo l’aveva trovato addormentato, invece che sul posto di lavoro.

“Allora non vero niente? Ho solo sognato?Almeno in sogno sono stato felice.

Voglio sognare ancora…”

La neve aveva ripreso a cadere, piano piano.
Voleva cancellare lentamente quell’orma nera lasciata da Martino.

Pi la neve cadeva, pi la figura di un piccolo spazzacamino emergeva, delineandosi sempre pi nitida all’orizzonte, con la scala sulle spalle, i ferri del mestiere e con una mano alla bocca, come a voler far sentire, il pi lontano possibile, il grido:”Spazzacamino! Spazzacamino!”.

E quel piccolo spazzacamino rimase l, per sempre, a testimoniare l’umile lavoro di tanti piccoli eroi, non solo di una volta, ma di tutti i tempi.

La htoria dlo Piero